Take
more.

Torna all'indice

24 05 2021

Smart working, Italia solo 13esima in Europa

La classifica dell’adozione dello smart working in Europa, relativa al 2020, vede primeggiare la Finlandia con il 25,1% degli occupati di età compresa tra 15 e 64 anni, seguita da Lussemburgo con 23,1%, Irlanda (21,5%), Austria (18,1%) e Olanda (17,8%).

 

Ultima la Bulgaria

E l’Italia? Solo 13esima con 12,2%, appena sotto la media dell’Unione europea, che è del 12,3%. Sono questi i dati comunicati da Eurostat,  l’ufficio statistico dell’Unione europea, in occasione della Giornata mondiale delle telecomunicazioni e della società dell’informazione (Itu). 

La parte più bassa della classifica europea del lavoro agile è occupata da Bulgaria (1,2%), Romania (2,5%), Croazia (3,1%) e Ungheria (3,6%).

Secondo i dati dell’Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano, in Italia si è passati dai 570mila lavoratori da remoto nel 2019 agli attuali 6.580.000.  Un dato comunque molto significativo.

 

Un nuovo passaggio culturale da fare

“L’adozione dello smart working ha criticità e benefici – ha detto Fiorella Crespi, che dirige gli Osservatori Smart Working e HR Innovation Practice del Politecnico di Milano – Tra gli aspetti positivi bisogna sottolineare un miglioramento delle competenze digitali dei dipendenti e il superamento dei pregiudizi su questa modalità di lavoro. In realtà, quello che è stato introdotto con la pandemia non è il vero smart working, che è basato su una responsabilizzazione delle persone libere di lavorare senza vincoli di orario e luogo per raggiungere gli obiettivi. In questo senso, non tutte le realtà hanno ancora fatto il passaggio culturale necessario”.

 

Dati e ricerche

06 12 2023

La comunicazione corporate sempre più strategica

Comunicazione | Dati e ricerche

Read more

06 12 2023

L’AI accelererà lo sviluppo economico

Dati e ricerche | Tecnologia

Read more