Take
more.

Torna all'indice

02 12 2021

Salute e sostenibilità nei piatti degli europei

La salute è il fattore che incide di più nelle scelte di acquisto alimentari degli europei (80%), seguita da prezzo (20%) e sostenibilità (9%).

Lo rivela lo studio The Conscious Consumer condotto da Deloitte, che ha preso in considerazione oltre 17.000 consumatori di 15 Paesi: Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Spagna, Svezia, Svizzera e UK.

 

Più verdura e meno carne nei piatti 

L’attenzione alla salute, aumentata dopo l’arrivo della pandemia, ha portato a modifiche delle abitudini alimentari con aumento della verdura (64%), diminuzione della carne (51%) e più attenzione ai prodotti locali (64%).

In aumento anche i pasti preparati a casa (54%) e il risparmio del packaging, ad esempio nel delivery (47%).

 

Il ruolo del prezzo

Il prezzo rimane comunque fondamentale, ma il 78% degli italiani si dichiara disponibile a pagare il 5% in più per alimenti davvero sostenibili, per generi alimentari locali (79%), biologici e fair trade (entrambi 76%).

Un aspetto interessante da rilevare è che i consumatori italiani si aspettano si aspettano supermercati più attivi nell’informazione per scelte salutari e sostenibili con un’attività di educazione alimentare (66%), ma anche eliminando dall’offerta prodotti che non fanno bene.

Dati e ricerche

24 05 2024

Ict in Italia, quota femminile sempre troppo bassa

Dati e ricerche

Read more

23 05 2024

Per 9 persone su 10 la sostenibilità ha un ruolo centrale o importante negli acquisti

Dati e ricerche

Read more