Take
more.

Torna all'indice

12 04 2021

Le Pmi italiane accelerano sul digitale

Il 35% delle Pmi italiane prevede di aprire una piattaforma digitale per l’e-commerce entro 12 mesi. Il dato emerge da uno studio realizzato da Banca Ifis insieme a Format Research su un campione di oltre 600 imprese.

Il dato è confortante e va a bilanciare quello sulla situazione attuale: nel nostro Paese oggi solo una Pmi su dieci vende i propri prodotti su Internet, circa un quarto di chi lo fa ha iniziato dopo l’inizio della pandemia e il 43% dopo il 2017. Esiste quindi un ritardo da colmare che, almeno in parte, è stato compreso.

In questo contesto, i comparti più avanzati sono l’agroalimentare (19%), la moda (16%) e la chimico-farmaceutica (16%).

 

I motivi per cui investire sull’e-commerce

Per quale motivo tra le Pmi aumenta ora l’esigenza di aprire una piattaforma di commercio elettronico? Soprattutto per diversificare i canali d’acquisto e soddisfare una richiesta del mercato.

Tra chi già si è attivato, il 39% si è preoccupato della formazione interna e circa una Pmi su cinque ha assunto appositamente nuovo personale. Ben l’85% ha scelto strutture specializzate per gestire la logistica.

 

Gli ostacoli da superare 

Quali sono invece i motivi che frenano ancora molte Pmi a investire sull’e-commerce? L’80% ritiene di avere prodotti inadatti alla vendita sul Web, il 15% è preoccupato dalla gestione logistica, il 9% dai costi di implementazione e l’8% dalla carenza di professionalità adeguate.

 

 

 

Dati e ricerche

17 04 2024

Italia, una cultura condizionata da stereotipi di genere

Dati e ricerche

Read more

15 04 2024

AI, nel 2028 avrà nel food un valore di 43,4 miliardi di dollari

Dati e ricerche | Tecnologia

Read more