Take
more.

Torna all'indice

28 04 2021

Comunicazione sul Covid, per un italiano su due è stata confusa

Comunicazione e Covid: per il 49% degli italiani è stata confusa, per il 39,5% ansiogena, per il 34,7% eccessiva e solo per il 13,9% equilibrata. Lo dice il Rapporto Ital Communications-Censis,“Disinformazione e fake news durante la pandemia: il ruolo delle agenzie di comunicazione”, presentato nei giorni scorsi a Roma.

 

Attenzione alle bufale

Un altro grande problema sono state, e continuano a essere, le fake news. Come combatterle? Gli intervistati sono d’accordo su pene più severe per chi diffonde deliberatamente notizie false (56,2%), obbligo per le piattaforme di rimuovere le fake news (52,2%), obbligo di fast checking sui social media (41,5%), campagne di educazione e sensibilizzazione sull’uso consapevole dei social (31,5%), posizionamento privilegiato nei motori di ricerca per la comunicazione istituzionale e di qualità (17,5%), riconoscimenti e premi per le piattaforme che fanno informazione di qualità (16,2%).

I mezzi più utilizzati dagli italiani per informarsi durante la pandemia sono stati quelli tradizionali come stampa, televisione, radio (75,5%), fonti istituzionali ufficiali (51,8%), social media (29,8%), medico di medicina generale (25,1%), amici e conoscenti (18,2%).

ComunicazioneDati e ricerche

28 05 2024

Oggi la seconda edizione del Festival del progresso sociale

Comunicazione | Eventi

Read more

24 05 2024

Ict in Italia, quota femminile sempre troppo bassa

Dati e ricerche

Read more