12 Gen 2021

Un nuovo canale podcast per il Festival della Comunicazione

Il Festival della Comunicazione lancia un nuovo canale podcast. Lo spazio avrà contenuti inediti e sarà aggiornato ogni settimana. I primi sono già disponibili e ne sono in programma altri con protagonisti del mondo della cultura e della comunicazione, che permetteranno un contatto continuo con chi ogni anno segue con interesse l’evnto di Camogli.

 

Sarà possibile risentire Umberto Eco

Tra i tanti nomi coinvolti Piero Angela, Alessandro Barbero, Daria Bignardi, Federico Rampini, Ferruccio de Bortoli e anche Umberto Eco, che fu uno dei promotori del Festival.

L’accesso ai contenuti è gratuito all’indirizzo www.festivalcomunicazione.it/festivalcom-podcast

Le prime serie in programma sono “Storie che lasciano un segno“, dedicato ai grandi autori e agli ospiti del Festival, e “Replay“, che riprende alcuni degli interventi più significativi che sono stati ospitati a Camogli nel corso degli anni.

“Il mondo del podcast non è una novità per il Festival della Comunicazione, che anzi ha contribuito alla sua diffusione nel panorama italiano quando ancora era un fenomeno di nicchia – ha detto il direttore Danco Singer – Nel 2019 abbiamo organizzato, sempre a Camogli, la prima edizione del Podcast Festival, il primo evento in Italia – aperto a tutti e gratuito – interamente dedicato ai contenuti audio. E nei mesi del primo lockdown ci siamo fatti tutti più vicini con gli Audiopensieri dei protagonisti del Festival, poi nell’edizione 2020 del Festival della Comunicazione abbiamo dedicato un’intera sezione a Mondo Podcast, presentando le novità del settore e le evoluzioni del genere. Inoltre, sono ideate da Frame-Festival della Comunicazione molte serie podcast disponibili su piattaforme come Audible, quali la collana BeReady dedicata ai ragazzi delle scuole superiori, Le grandi battaglie della Storia di Alessandro Barbero e l’Economia di Federico Fubini, oltre a una serie centrata sui Perché del nostro tempo con 20 protagonisti del panorama culturale italiano”.

 

Il podcast è la nuova frontiera dell’intrattenimento 

“La vivacità e la creatività del Festival della Comunicazione accompagnano il pubblico tutto l’anno in un’esperienza continua e multi-piattaforma – ha spiegato la direttrice Rosangela Bonsignorio – I podcast si integrano e si completano con gli altri canali digitali attivi e frequentatissimi del Festival, dal sito ai social come Facebook e Instagram e fino al canale YouTube. Il formato audio rappresenta la nuova frontiera dell’intrattenimento e della fruizione di contenuti culturali, con 8 milioni e mezzo di italiani attivi ogni mese che ascoltano i loro autori preferiti in viaggio, mentre fanno sport o si rilassano, e anche in modalità multitasking”.