11 Dic 2019

Sicurezza informatica, investire su prevenzione e contrasto

La sicurezza informatica non è un costo, ma un investimento. Da questa premessa si è snodato il dibattito su questo tema che si è tenuto ieri alla IoT Conference 2019, che Take ha seguito al Novotel Milano.

 In particolare, Cristiano Cafferata di Swascan ha spiegato: “Il rischio informatico esiste, bisogna fare prevenzione e cultura. Qualcuno può arrivare anche a intervenire da remoto senza autorizzazione su qualche device. Per farlo può bastare una Smart Tv da cui poi prendere il controllo di altri device. Ma si corrono rischi anche con Smart Car, assistenti vocali e Medical Device”.

 

Tecnologia da gestire

Cafferata ha spiegato che la tecnologia non va fermata, ma gestita. Bisogna essere coscienti dei rischi per evitare i principali rischi, che sono:

  • furti dei dati;
  • spionaggio industriale;
  • phishing;
  • spam;
  • storage di contenuti illegali;
  • Cyberterrorismo.

Cosa fare? “Bisogna intervenire in tempo per contrastare le tecniche di attacco e interagire con i malware – ha concluso Cafferata – Ma ancora prima è indispensabile che ogni azienda faccia un’analisi preventiva del suo rischio tecnologico”.