06 Feb 2020

Il Wired Digital Day a Bari

Future Way: sarà questo il filo conduttore della terza edizione del Wired Digital Day di Bari, che si svolgerà martedì 11 febbraio al Teatro Petruzzelli. L’evento, che promette di vivere “un giorno in diretta dal futuro”, è organizzato da Wired Italia in collaborazione con la Regione Puglia e Puglia Sviluppo.

Il Wired Digital Day si prefigge di affrontare tematiche fondamentali per il nostro futuro. In particolare, l’evento barese sottolineerà le opportunità di sviluppo per il Sud Italia che si possono cogliere grazie alla digitalizzazione, all’adozione di politiche dell’innovazione e all’uso di tecnologie emergenti quali l’intelligenza artificiale, la blockchain, l’Internet of Things.

A discuterne saranno chiamati qualificati relatori del mondo accademico, imprenditoriale, associativo, della ricerca e dell’economia. Tra questi: Paolo Nespoli, considerato il padre della Blue Economy; Marco Bentivogli, scienziato; Massimo Buscema, economista; Luigi Alfredo Grieco, docente di telecomunicazioni ed esperto di IoT del Politecnico di Bari; Giovanni Semeraro, professore di informatica all’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”;

 

Dalla space economy all’healthcare

“Siamo felici di tornare in Puglia per il terzo anno consecutivo con il Wired Digital Day – ha dichiarato  Federico Ferrazza, direttore di Wired Italia – Una regione che, grazie alla capacità di fare sistema e creare sinergie positive tra istituzioni, mondo della ricerca, imprese e società civile, continua a dimostrarsi all’avanguardia nello sviluppo di modelli e processi innovativi e nella capacità di competere sullo scenario internazionale: dalla space economy alla meccatronica, dall’healthcare all’industria culturale. Un territorio che sta affrontando da protagonista tutte le principali sfide della contemporaneità. Tra queste quella della sostenibilità, un tema che toccherà in maniera trasversale tutti gli incontri. Non solo sostenibilità ambientale, ma anche economica e sociale alla ricerca di nuovi punti di equilibrio per la costruzione del futuro e di un mondo migliore”.