24 Ago 2020

Dal 10 al 13 settembre il Festival della Comunicazione

L’edizione 2020 del Festival della Comunicazione si svolgerà dal 10 al 13 settembre a Camogli e avrà come filo conduttore quello della socialità. È questa, infatti, alla base di ciò che siamo, del nostro modo di vivere e dello stesso linguaggio. Di conseguenza, è un aspetto fondamentale anche della comunicazione, a cui è dedicato il Festival.

  

Un evento ideato da Umberto Eco

Umberto Eco, uno degli ideatori di questo evento, ha scritto: “Non c’è crescita collettiva senza che si recuperi il senso vero e autentico della socialità. Quella basata sul modello del dialogo socratico, del confronto aperto, del continuo esercizio dialettico di critica e di autocritica. Bisogna mettersi alla prova, farsi conoscere, intervenire nel dibattito locale, ascoltare le opinioni, cambiare pian piano il proprio modo di vedere, pensare e scrivere, guardandosi dalle forme di pseudo‐partecipazione del web, che, al contrario, stanno idolatrando l’ideale della assoluta presa di parola”.

 

Gli ospiti: da Piero Angela a Beppe Severgnini

L’edizione 2020 vedrà la partecipazione di oltre cento ospiti provenienti dal mondo scientifico, culturale, tecnologico, artistico, economico, imprenditoriale, dello spettacolo e dell’intrattenimento.

Tra loro nomi come Piero Angela, Corrado Augias, Alessandro Barbero, Enrico Bertolino, Luca Bottura, Gianrico Carofiglio, Aldo Cazzullo, Neri Marcoré, Stefano Massini, Beppe Severgnini e molti altri ancora.

Il Premio Comunicazione 2020 sarà assegnato a Rosario Fiorello, “per la sua capacità di farci affrontare il nuovo con una carica di freschezza ed energia, mettendo in scena il varietà della vita e la vita nella sua varietà”.

Il Festival sarà chiuso da Claudio Bisio e Gigio Alberti con lo spettacolo “Ma tu sei felice?”, una specie di “Aspettando Godot” in chiave comica.

Rosangela Bonsignorio, direttrice del Festival, ha dichiarato: “Il Festival di quest’anno sarà una grande festa, che ci darà l’occasione di ritrovarci insieme a vivere e condividere esperienze, idee e suggestioni, nella spensieratezza estiva, con la sicurezza delle precauzioni anti Covid. E ci offrirà nuovi spunti per affrontare insieme il presente, con le sue sfide sempre più incalzanti”.