Generazione RI


Conai

Strategia

Considerare i target della comunicazione i primi veri partner, sostenitori e amplificatori del messaggio divulgato dal Consorzio Nazionale Imballaggi e da tutti gli altri Consorzi per il riciclo dei materiali.
Dare opportunità di parola, contenuti e visibilità a tutti gli attori del backstage.
Creare un linguaggio nuovo, positivo, attuale e trasversale, condizione essenziale per sviluppare senso di appartenenza.
Rendere i partner “orgogliose voci narranti” di un invito a colmare il gap dell’ultimo miglio, quel 20% circa di imballaggi che ancora non viene riciclato.
Riattivare la relazione con gli stakeholder istituzionali in chiave win-win.
Manifestare e rendere “notiziabile” la nuova consapevolezza del Sistema Conai e degli altri Consorzi.

Creatività

Nascere, scoprire, cercare, fare, inventare, vivere. A volte basta aggiungere un “Ri” per dare alla vita un risvolto nuovo e una seconda, fantastica e inaspettata possibilità.
Una filosofia, anzi una “Ri-filosofia”, che vuole creare un movimento fra persone che si “Ri”trovano, si “Ri”conoscono e si “Ri”connettono, seguendo la strada verso un modo più sostenibile di pensare, produrre, consumare e vivere.
Un movimento che dà vita e voce a una generazione senza confini anagrafici e geografici.

Execution

Le fasi progettuali sono tre: lancio, awareness, engagement.
Attraverso una creatività che vuole rappresentare la Generazione Ri tramite i volti di tutti i suoi diversi protagonisti, ci siamo rivolti in primis alle imprese e agli stakeholder più istituzionali, con una pagina doppia sul Sole 24 Ore.
È seguito l’invio di Dem alle Pmi italiane, vero motore del sistema di raccolta, riciclo e produzione, per farle sentire parte fondamentale della Generazione Ri.
Una landing page, progressivamente implementata, è l’atterraggio del progetto che racconta, attraverso ingaggi e contenuti, gli obiettivi e l’importanza di far parte della Generazione Ri e invita a condividerne il messaggio.

Torna alla Home